Bouldering

Il bouldering è un'attività di arrampicata su massi nata intorno agli anni settanta. I massi possono essere naturali o artificiali, come nel caso delle competizioni. Quando praticata su massi naturali è chiamata anche arrampicata su massi o sassismo. Il nome deriva dall'inglese boulder, ovvero un masso che può avere differenti dimensioni e che offre delle pareti arrampicabili.

Il bouldering consiste nell'arrampicare (fino ad un massimo di circa 7-8 metri) per risolvere particolari sequenze di movimenti concatenati e dinamici, in genere pochi (8-10), ma estremamente difficoltosi. Arrampicate che superano i 7-8 metri sono da considerarsi pericolose.

Alle sorgenti del Cellina, a monte dell'abitato di Claut,in zona Lesis esiste una palestra naturale per la pratica del Bouldering, sport nuovissimo. Il sito di Lesis è noto a livello internazionale per le grandi caratteristiche.

Fra gli antesignani del bouldering vi è Oscar Eckenstein (1859 – 1921), un rocciatore inglese dalle straordinarie capacità atletiche, ed è proprio ai britannici che dobbiamo il termine bouldering.
Oltre all'UK vi sono cenni di attività di bouldering anche in Francia e Italia alla fine del XIX secolo. Per molti anni questa attività fu considerata come una sorta di allenamento per alpinisti.
Negli anni '30 e '40 Pierre Allain (l'ideatore delle scarpette lisce PA) cominciò a praticare il bouldering fine a sé stesso a Fontainebleau, da molti ora considerata come la patria di tale attività.
Il primo rocciatore che ne fece la sua primaria attività (negli anni '50) fu John Gill, uno sportivo che applicò i principi della ginnastica alle scalate su roccia.
A partire dagli anni '70 il bouldering divenne un'attività matura e fortemente praticata, contribuendo a creare e risolvere problemi di notevole livello e contribuendo a spingere in avanti la scala di difficoltà.
Oggi il bouldering è una disciplina specifica dell'arrampicata sportiva e sono molte le manifestazioni che prevedono gare sia indoor che all'aperto.
Inoltre negli ultimi anni è sorta la pratica del buildering, parola che deriva dall'inglese building, costruzione; difatti questa variante non è altro che bouldering praticato su strutture costruite dall'uomo come ponti, palazzi e altre strutture artificiali.

Ciaspe

Negli ultimi anni è aumentata notevolmente la pratica delle escursioni con le "ciaspe", le racchette da neve, è il primo approccio alla montagna invernale. L' escursione con le ciaspe può essere effettuata da tutti, i classici sentieri di fondovalle diventano mete ideali per chi si cimenta per la prima volta in questa attività,il passo successivo è il raggiungimento delle casere più vicine e via via sempre più in alto.Anche questa pratica permette di scoprire pesaggi incantevoli.Per le escursioni in alta quota valgono gli stessi consigli dello scialpino.

Eco-climbing

Si tratta della pratica dell'arrampicata su roccia o palestra artificiale. In zona Ciafurle abbiamo numerose vie attrezzate su falesia per la pratica di questo sport.E' di prossima installazione una palestra artificiale coperta con un'altezza di 8m,che garantirà la pratica in caso di pioggia.

Gatto nevi

Possibilità, durante il periodo invernale, di escursioni con il gatto delle Nevi al Rifugio Pradut.
Per informazioni tel 333-7329891 Devis

Ice-land

Si tratta della pratica dell'arrampicata su ghiaccio con ramponi e picozza, si apprendono le varie fasi che compongono questo bellissimo sport, dalla camminata in ambiente invernale con ramponi fino alla scalata delle verticali cascate di ghiaccio.Si trova in zona Tre Pini una delle prime palestre artificiali di ghiaccio d'Italia, inoltre in tutta la Valcellina si formano meravigliose cascate di ghiaccio. In inverno ci sono numerosi corsi che insegnano questo sport organizati dal locale Consorzio Valcellina in collaborazione con il Parco delle Dolomiti Friulane.

Canyoning

Mountain bike

Il territorio comunale ben si presta per essere esplorato con mountain bike. Numerosi sono i percorsi, con i più svariati livelli di difficoltà, immersi nella natura, che possono essere praticati per raggiungere rifugi, malghe, casere o semplicemente per ammirare il paesaggio montano. Tra i più frequentati ricordiamo il percorso, adatto a tutti, che, partendo dall'imbocco del Paese e percorrendo la Val Settimana, conduce al Rifugio Pussa e poi prosegue fino alla Malga Senons. Altro itinerario, per esperti, parte dalla località Lesis per condurre alla Malga Casavento (dove si trovano le orme di dinosauro) e Pradut, percorrendo il Sentiero storico degli Alpini, famoso per le battaglie combattute nel corso della 1^ guerra mondiale. Molto interessante per gli amanti della bicicletta è il progetto per la realizzazione di piste ciclabili della Valcellina e Val Vajont, che si snoderanno sui territori dei Comuni di Claut, Cimolais, Barcis ed Erto e Casso, di prossima realizzazione, che saranno percorribili nell'anno 2005.

Pista dei divertimenti

Altra novità in zona Tre Pini è la pista campo scuola dedicata ai più piccini, abbiamo a disposizione numerosi gommoni per i bambini per cimentarsi in discese mozzafiato, inoltre la possibilità dell'uso degli slittini nella pista,e comunque un campo scuola con skilift per apprendere i primi rudimenti della pratica dello sci.
A competamento dell'offerta invernale una bella pista rossa di discesa servita da skilift della lunghezza di circa 800m.

Sci alpinismo

Forse la più bella attività invernale per gli amanti della montagna. Le nostre valli e cime si lasciano accarezzare dolcemente con gli sci fino a farci scoprire panorami da favola, cose mai viste, per poi tuffarci in discese mozzafiato. Sicuramente la zona del Resetumè la più fruibile e bella, da non dimenticare però Val di Senons, Monte Dosaip ed altre. La Valcellina in generale offre bellissime escursioni scialpinistiche. Non dimentichiamo che come tutti gli sport invernali a contatto con la natura è anche pericoloso, percio è sempre bene dotarsi dell'attrezzatura necessaria per il primo soccorso, pala, sonda ed arva, abbigliamento adeguato, accertarsi sulle condizioni meteo e magari effettuare l'escursione con una guida.

Sci di fondo

Claut è nota per la bellezza delle proprie piste di fondo, esiste in località Tre Pini un anello di 5 km con neve programmata artificiale questo garantisce sciate da Dicembre a Marzo. Con neve naturale il carosello di piste diventa di svariati km, molto bella l'escursione in Val Settimana: 14 km di rara bellezza invernale.